Home Page » Area Stampa » Pubblicazioni » Libri » Libri 2018 » Ragazzi in panchina 
Articolo da Italia Caritas (aprile 2018 - .pdf)
Martedì 8 Maggio 2018
Ragazzi in panchina   versione testuale
Storie di giovani che non studiano e non lavorano
 
 
Le singolari storie di Romeo, Andrea, Carlo, Angelo, Eddy, Maria Clara e Sandra, contrassegnate da colpi di scena, sogni e ripensamenti, consentono di avvicinare il fenomeno dei giovani che non lavorano e non studiano.
 
L’Italia è il Paese europeo con la più alta presenza di “ragazzi in panchina”, coloro che con un acronimo vengono definiti Neet, i giovani in attesa di un impiego e di un’opportunità.
Questo fenomeno è influenzato dall’incidenza della dispersione scolastica e della disoccupazione giovanile, ma risente anche di altri fattori, tra cui la qualità e la varietà dell’offerta formativa, il tasso di povertà e di esclusione sociale, l’effetto protettivo della sfera familiare e la propensione all’autonomia personale.
 
Tuttavia, non tutti i Neet sono Neet. Come testimoniano anche le storie raccolte in questo volume, l’affresco è a tinte variabili e consente di fare emergere figure umane che non coincidono sempre con lo stereotipo del giovane passivo, in balia degli eventi, incapace di progettare il proprio futuro e di vivere in modo pieno il proprio presente.
 
A cura di Paolo Beccegato e Renato Marinaro. Introduzione di Francesco Soddu. Postfazione di Walter Nanni
EDB - Pagine: 152
 
Indice: Introduzione | Romeo 2.0 | Andrea, “prigioniero” dell’oratorio | Ripartire da una passione | La scelta di Angelo | Una lunga vacanza | Voglio stare spenta | Di generazione in generazione | Postfazione