Home Page » Attivita' » Progetti » America Latina e Caraibi » Archivio America Latina e Caraibi 
Archivio dei progetti America Latina e Caraibi   versione testuale
Caritas Italiana opera in America Latina e Caraibi nell’accompagnamento delle Caritas nazionali e delle Caritas diocesane, attraverso programmi di sviluppo, emergenza e riabilitazione nei seguenti ambiti:
  • promozione della carità;
  • sviluppo socio–economico;
  • sviluppo umano integrale, promozione e tutela dei diritti umani;
  • recupero dei minori e loro successivo reinserimento sociale;
  • salvaguardia dell’ambiente;
  • interventi a fronte di crisi umanitarie e situazioni di emergenza.
Linee direttrici
  1. Sostegno agli organismi della Chiesa locale, in una visione di cooperazione solidale tra Chiese sorelle. In questa ottica, le Caritas nazionali rappresentano il legame con il territorio e l’interprete autentico dei bisogni della comunità locale. Caritas Italiana si offre per un affiancamento nel lavoro di rafforzamento istituzionale e dell’organizzazione delle Caritas nazionali e nel potenziamento della rete delle Caritas diocesane locali per realizzare nel miglior modo possibile la vicinanza e il sostegno alle fasce più deboli della popolazione.
     
  2. Sostegno allo sviluppo socio-economico: per promuovere una progressiva autonomia delle comunità coinvolte nei progetti. La priorità è, dunque, il supporto alla creazione e alla diversificazione delle economie locali, in un’ottica di sostenibilità nel medio-lungo periodo sul piano sociale, finanziario e ambientale.
     
  3. Sostegno all’educazione. Il settore scolastico e formativo è ritenuto fondamentale per la ricostruzione del tessuto sociale nei Paesi latinoamericani e per la creazione di strumenti per lo sviluppo dell’iniziativa economica locale. Caritas Italiana sostiene non solo la formazione dei giovani, dei bambini e degli insegnanti, ma anche lo sviluppo di attività che possano assicurare reddito stabile in grado di sostenere l’accesso all’educazione nelle comunità.
     
  4. Attenzione alle urgenze/emergenze. È necessario un sostegno incessante alle ricorrenti emergenze (sociali, sanitarie, ecc.), al fine di garantire i servizi essenziali alla popolazione colpita dai disastri naturali.
L’area latinoamericana

L’America Latina presenta un enorme potenziale di sviluppo e svolge un ruolo sempre più importante a livello internazionale. Tra le sfide che il continente latinoamericano dovrà affrontare nei prossimi anni spicca però la forte disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza, questione che caratterizza da molti decenni la regione e che colpisce seriamente il tessuto sociale, l'equilibrio ecologico e la stabilità politica. Dal punto di vista geografico, le azioni di Caritas Italiana rimangono modulate sulla base delle differenze che presentano dunque le grandi subregioni del continente: America centrale e caraibica, America andina e il Cono sud. Quest’ultima subregione è caratterizzata da livelli di reddito e contesti istituzionali più avanzati, ma con una distribuzione ancora disomogenea della ricchezza e persistenti e ampie fasce di povertà, particolarmente grave tra contadini, indigeni, afrodiscendenti, migranti irregolari, bambini di strada, anziani, donne, che spesso non hanno accesso al minimo indispensabile per una vita dignitosa.

Lo sviluppo della Caritas in America Latina: la Pastoral Social

La Conferenza Regionale per l’America Latina e i Caraibi (Celam) è costituita da 22 Caritas nazionali, raggruppate in quattro zone:
  • “America centrale e Messico” (con 7 Caritas nazionali: Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico, Nicaragua e Panama);
  • “Caraibi” (con 5 Caritas nazionali: Antille, Cuba, Haiti, Puerto Rico e Repubblica Dominicana);
  • “Bolivariana” (con 5 Caritas nazionali: Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù e Venezuela);
  • “Cono Sur” (con 5 Caritas nazionali: Argentina, Brasile, Cile, Paraguay, Uruguay).
Tutte le Caritas latinoamericane, senza eccezioni, furono istituite dalle rispettive Conferenze Episcopali Nazionali sull’insegnamento sociale dei Pontefici Giovanni XXIII, Paolo VI e Giovanni Paolo II, del Concilio Vaticano II e delle Conferenze Regionali dell’episcopato latinoamericano (Medellín 1968 e Puebla 1979). La Santa Sede intervenne direttamente per la istituzione della prima Caritas, in Cile (1955), e dell’ultima, a Cuba (1991).

Tutte questi organizzazioni, al momento della loro istituzione, optarono per la denominazione “Caritas”. Durante gli anni ’70 alcune Caritas (Paraguay, Colombia, Ecuador e Panama), senza cessare di appartenere alla Confederazione Mondiale, optarono per il nome di “Pastoral Social”, dando risalto all’azione socio-pastorale-educativa rispetto alla componente assistenziale.

Microprogetti di sviluppo
Caritas Italiana, nel corso del 2014, ha sostenuto in America Latina 54 microprogetti, per un valore totale di € 246.700, negli ambiti di promozione socio-economica (36), sanitario (4), sociale (14).

Link
Cáritas América Latina y el Caribe: www.caritaslatinoamerica.org
Consiglio Episcopale Latino-Americano: www.celam.org
Caritas Internationalis: www.caritas.org

Per ulteriori informazioni
Ufficio America Latina e Caraibi (Area Internazionale), americalatcaraibi@caritas.it
 
Come contribuire
Chi vuole sostenere gli interventi di Caritas Italiana (causale: "America Latina e Caraibi")
può versare il proprio contributo tramite.