Home Page » Attivita' » Progetti » Europa 
Europa

ITALIA

Scopri i progetti di Caritas Italiana sul territorio italiano

EUROPA

Scopri i progetti di Caritas Italiana in Europa

MONDO
Medio Oriente e Nord Africa Africa
America Latina e Caraibi
Asia e Oceania

Scopri i progetti di Caritas Italiana nel Mondo
caricamento... Caricamento dati, si prega di attendere...
:: Vai allo Speciale "Migranti e profughi: l'impegno Caritas" – novembre 2015

Tre sono gli  assi operativi su cui è attiva Caritas Italiana: Caritas Italiana opera in costante collaborazione con i partner europei del network Caritas (Caritas nazionali e Caritas Europa), con focus mirato sulle emergenze in corso che sollecitano l'attenzione e la solidarietà delle comunità italiane, come l’emergenza profughi e la crisi in Ucraina.

L’impegno Caritas nell’emergenza profughi
 

A partire da luglio 2015 oltre un milione di rifugiati e migranti mediorientali hanno iniziato a percorrere in maniera sempre più massiccia la cosiddetta “rotta balcanica”, diretti verso il Centro e Nord Europa. Gli sforzi di Caritas Italiana a sostegno delle Chiese coinvolte in questa emergenza – Grecia, Macedonia, Croazia e Serbia, come pure quelle immediatamente confinanti di Albania, Kosovo, Montenegro e Bulgaria – si stanno concentrando nella fornitura di aiuti alimentari e beni di prima necessità e nel garantire un’accoglienza diffusa alle persone più vulnerabili. Particolare attenzione viene data anche all’aspetto pastorale, pedagogico e formativo sui temi della migrazione per il personale e i volontari della Chiesa locale.
   
A fronte di questo impegno la Conferenza Episcopale Italiana, attingendo dai fondi 8 per mille, ha stanziato 790.000 euro a sostegno di interventi con cui Caritas Italiana accompagna e accompagnerà nei prossimi mesi l’impegno delle Chiese locali.

Progetti socio-pastorali contro la crisi economica in Europa
 

Beneficiari del lavoro di Caritas Italiana in Europa sono i più vulnerabili, persone in situazioni di estremo bisogno ed emarginazione, in un continente dove ormai la distanza tra ricchi e poveri diventa sempre più ampia e stridente.
 
Certamente la crisi economica a livello europeo e le conseguenze sociali che ne sono derivate, hanno determinato un’attenzione particolare nelle attività di lobby e advocacy e nella messa a punto di azioni a supporto delle fasce più marginali. A tal fine Caritas Italiana, per sollecitare una risposta da parte delle istituzioni nazionali ed europee, ha collaborato con Caritas Europa alla redazione del terzo Rapporto sull'impatto della crisi economica in Europa, presentato il 19 febbraio 2015. Si tratta di uno studio relativo alla crisi e alle misure di austerità sulla popolazione europea, con focus mirato su Cipro, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Romania e Spagna (Rapporto integrale in ingleseSintesi in italianoAbstract della parte italianaSezione del sito con i tre Rapporti).
 
Alla luce di questo scenario Caritas Italiana, grazie al supporto economico della Cei, ha implementato il progetto ELBA (Emergenza lavoro nei Balcani) con l’obiettivo di sostenere la Chiesa locale in 7 Paesi balcanici (Albania, Bosnia ed Erzegovina, Macedonia, Montenegro, Grecia, Kosovo e Serbia) per la costruzione di risposte innovative e qualificate (attraverso l'avvio di percorsi di economia sociale) ai bisogni delle fasce sociali più svantaggiate, oltre che rafforzare la collaborazione regionale tra le Chiese dell'area.
   

Ha attivato inoltre un progetto sperimentale in Grecia di Gemellaggi Solidali tra diocesi, parrocchie, famiglie italiane e greche, in un Paese devastato dalla crisi e impoverito da rigide politiche di austerity che hanno contribuito ad aggravare pesantemente la già drammatica situazione sociale. La Grecia infatti è sineddoche della crisi economica europea, che ha manifestato i suoi effetti più rilevanti nei Paesi dell’Europa orientale, andandosi a sommare alle difficili situazioni socio-economiche nazionali: fenomeni come povertà diffusa ed esclusione socio-lavorativa dei soggetti vulnerabili, negli ultimi anni si sono acuiti, raggiungendo tristi primati negativi.

La creazione di reti nazionali e transazionali: condividere le buone prassi
  
Infine, Caritas Italiana vuole favorire la valorizzazione delle opportunità offerte dall’Unione Europea operando come costruttore di reti nazionali e transnazionali, al fine di condividere esperienze e competenze. L'Europa rappresenta uno degli orizzonti di senso e di progettualità in chiave di innovazione sociale che sostenga e rinnovi l'azione di inclusione sociale e di lotta alla povertà. Per condividere cammini comuni di formazione, progettualità, sperimentazione e advocacy, volti all’inclusione sociale e al contrasto alla povertà, Caritas Italiana ha promosso una rete di Caritas diocesane, la Comunità Professionale Europa, che intende favorire una maggiore conoscenza dell’Europa, delle istituzioni e delle risorse che a livello europeo sono a disposizione dei cittadini.

L'Europa è una delle sette regioni in cui è diviso il network di Caritas Internationalis.
 
Per ulteriori informazioni
Ufficio Europa (Area Internazionale), europa@caritas.it

Come contribuire
Chi vuole sostenere gli interventi di Caritas Italiana (causale: "Europa")
può versare il proprio contributo tramite.