Home Page » Attivita' » Campagne » Campagna italiana "Cibo per tutti" 
Venerdì 17 Aprile 2015
Campagna italiana Cibo per tutti   versione testuale

“Una sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro” è il titolo della campagna nazionale di sensibilizzazione e formazione elaborata dagli organismi, dalle associazioni e dai movimenti cattolici italiani per rispondere unitariamente all’appello del Papa «a dare voce a tutte le persone che soffrono silenziosamente la fame, affinché questa voce diventi un ruggito in grado di scuotere il mondo». Un appello che Papa Francesco aveva lanciato in un videomessaggio lo scorso 10 dicembre per l'avvio della campagna internazionale sul diritto al cibo promossa da Caritas Internationalis. 
 
In occasione della "Giornata mondiale della Terra", il 22 aprile 2015, i promotori nazionali insieme agli snodi territoriali della Campagna hanno organizzato a Roma, presso il mercato di Campagna Amica al Circo Massimo, un Seminario di approfondimento e confronto, con la partecipazione di  vari esponenti degli enti, del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace e della Conferenza Episcopale Italiana, tra cui il Segreteraio generale, S.E. mons. Nunzio Galantino (leggi qui suo intervento). La Campagna ha fatto il punto sulle attività condotte nei territori da più di 100 gruppi,  associazioni, Caritas e altre realtà in oltre 50 città italiane. Una rete capillare che ha sensibilizzato scuole, parrocchie e imprese sui temi della sovranità alimentare e del ruolo dell’agricoltura familiare e dei mercati locali, della finanza etica contro la speculazione sul cibo, delle relazioni di pace, solidarietà e giustizia quale fondamento essenziale per sconfiggere la fame. A fine giornata è stato lanciato un appello congiunto "FERMIAMO LA STRAGE DI MIGRANTI" in vista del Consiglio europeo straordinario previsto per il 23 aprile.
 
 
CARITAS E MIUR - CONCORSO FOTOGRAFICO (prorogato al 15 aprile 2015)
Con una circolare diffusa in data 2 ottobre 2014  il Ministero per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca (MIUR) - nel quadro di un protocollo d'intesa siglato con Caritas Italiana e in vista della Giornata Mondiale dell’alimentazione -  ha lanciato di un Concorso fotografico nazionale “Cibo per tutti: è compito nostro”, con l’obiettivo di promuovere consapevolezza ed impegno sugli squilibri del pianeta, avendo come aspetto centrale l’elemento educativo. Gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado in forma individuale o in gruppo potranno partecipare ad una o più categorie.
Per favorire la più ampia partecipazione i termini per l'invio delle foto sono stati prorogati al 15 aprile 2015 (vedi Circolare MIUR del 26/02/2015).
Le tre sezioni previste dal concorso sono le seguenti: Spreco alimentare, Disturbi alimentari, Diritto al cibo anche nelle società del consumismo. Le modalità di partecipazione sono indicate nella suddetta circolare. Sono candidati al premio finale gli studenti che avranno affrontato in maniera originale, creativa e significativa il tema oggetto del bando. I vincitori, verranno premiati durante un evento di elevato valore istituzionale durante EXPO2015, luogo in cui saranno presentati i lavori in una esposizione fotografica. 

 
 
ARCHIVIO INIZIATIVE
 
HUNGER RUN
Domenica 19 ottobre 2014, nella settimana in cui le Nazioni Unite celebrano la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, si è svolta "Hunger Run - Fermiamo la corsa della fame", giunta alla sua nona edizione, la corsa competitiva di 10 chilometri e di una corsa (o passeggiata) non agonistica di 5 chilometri per ricordare che nel mondo esistono 805 milioni di persone che non hanno abbastanza cibo con cui sfamarsi. Tra gli interventi anche quello di Alfonso Apicella, Rappresentante della campagna “Food for All” di Caritas Internationalis.
 
VERSO EXPO 2015 E LA CAMPAGNA ITALIANA
Il tema del diritto al cibo rappresenta infatti l’elemento centrale dell’impegno rispetto all’Expo di Milano nel 2015, un appuntamento per il quale l'Arcidiocesi di Milano, insieme a Caritas Internationalis, Caritas Italiana e Caritas Ambrosiana, sta mobilitando energie e risorse rilevanti. Il senso di questa presenza all'Expo è stato illustrato in una conferenza stampa che si è tenuta il 24 febbraio 2014 a Milano, presso la Curia Arcivescovile, alla presenza tra gli altri del cardinal Oscar Rodriguez Maradiaga e di S.E. Mons. Giuseppe Merisi.
 
A titolo di sensibilizzazione e promozione sul tema, vi presentiamo una video-animazione di un minuto, basata su un’antica storia che parla di fame e di condivisione. L’allegoria “dei lunghi cucchiai” ci insegna che se pensiamo solo a noi stessi, tutti rimaniamo affamati. Se invece ci prendiamo cura dei bisogni dei nostri vicini scopriamo che c’è nutrimento sufficiente per ognuno.
 
Per riflettere e condividere i temi portanti della campagna nazionale, venerdì 28 febbraio 2014,  dalle 10 alle 13, si è svolto un Seminario a Roma. «L’importanza di un forte impegno di consapevolezza circa le cause e le conseguenze degli squilibri globali, nazionali e locali, è una tematica ben presente nel Magistero della Chiesa, e nell’azione degli organismi di volontariato che sulla Dottrina sociale della Chiesa poggiano la propria ispirazione – si legge nel documento base della campagna -. Oltrepassare l’attuale crisi è possibile ricostruendo relazioni, strutture, comunità e comportamenti responsabili per il buon vivere a livello locale e globale, esplorando quelle periferie geografiche ed esistenziali di recente evocate da Papa Francesco». Gli interventi del direttore di Caritas Italiana, don Francesco Soddu, e del direttore di Famiglia Cristiana, don Antonio Sciortino, hanno ripreso gli elementi più importanti della campagna e del tema di base e tutti gli organismi promotori ne hanno sottolineato l'importanza.
 
Aspetto centrale della campagna è l’elemento educativo, mentre tre sono i filoni tematici in cui si articola: cibo giusto per tutti, una finanza al servizio dell’uomo, relazioni di pace.
 
L’iniziativa - che intende coinvolgere organismi, associazioni, gruppi e scuole nell'approfondire la conoscenza delle questioni della fame e della crisi e nel tradurla in impegno sociale e politico nei singoli territori - rappresenta un’occasione di impegno comune a livello nazionale e locale di numerosi enti ed organismi di origine ecclesiale. Insegnanti, educatori ed animatori sono le categorie interpellate innanzitutto dalla campagna, ma anche giovani imprenditori presenti nei diversi settori produttivi, in particolare in ambito alimentare ed in grado di interpretare una dimensione economico-produttiva e finanziaria responsabile e sostenibile. Si stanno elaborando in tal senso appositi strumenti per l'animazione sul territorio.
 
Nell’ambito della campagna saranno elaborate precise richieste alla politica: a livello internazionale, europeo e italiano.
 
L’evento di lancio della Campagna si è svolto sempre il 28 febbraio a Roma, presso Domus Pacis nell’ambito del già citato seminario di approfondimento organizzato da Caritas Italiana. Leggi qui il comunicato stampa congiunto (.pdf).
 
La campagna è promossa da: CARITAS ITALIANA, FEDERAZIONE ORGANISMI CRISTIANI SERVIZIO INTERNAZIONALE VOLONTARIO - FOCSIV, AZIONE CATTOLICA ITALIANA, ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI, ASSOCIAZIONE COMUNITÀ PAPA GIOVANNI XXIII, ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI, CINECIRCOLI GIOVANILI SOCIOCULTURALI, CENTRO SAVERIANO ANIMAZIONE MISSIONARIA/CENTRO EDUCAZIONE ALLA MONDIALITÀ, CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE, COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA ITALIANA / LEGA MISSIONARIA STUDENTI, FONDAZIONE CAMPAGNA AMICA, MOVIMENTO ADULTI SCOUT CATTOLICI ITALIANI, MOVIMENTO CRISTIANO LAVORATORI, PAX CHRISTI ITALIA, SALESIANI PER IL SOCIALE/FEDERAZIONE SERVIZI CIVILI E SOCIALI - CENTRO NAZIONALE OPERE SALESIANE, UNIONE CRISTIANA IMPRENDITORI DIRIGENTI.
 
Aderiscono all’iniziativa: CENTRO TURISTICO GIOVANILE, CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE, FEDERCASSE, MOVIMENTO GIOVANILE SALESIANO, MOVIMENTO RINASCITA CRISTIANA, FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA.
 
Media partner della campagna sono Famiglia Cristiana - Avvenire - Sir - TV2000 - Radio inBlu