Home Page » Attivita' » Campagne » Giubileo: il diritto di rimanere nella propria terra » Emergenza rifugiati e migranti lungo la rotta balcanica
Micro "modulari" 
Emergenza rifugiati e migranti lungo la rotta balcanica
Micro "modulari"   versione testuale
Dicembre 2015
Una nuova grave emergenza umanitaria sta coinvolgendo molti Paesi europei, in particolare dell’Est Europa: centinaia di migliaia di profughi dal Medio Oriente stanno percorrendo la “rotta balcanica”(Grecia, Macedonia, Serbia, ...) per poter raggiungere i Paesi del Nord Europa nei quali chiedere asilo.
 
Sono circa  500 mila i migranti già transitati: una vicenda umana senza precedenti, con donne, uomini e bambini che cercano protezione da guerre, persecuzioni e umiliazioni. Ci raccontano di persone a cui sono stati rubati, prima di ogni cosa, la dignità e il futuro. Famiglie intere, spesso con bambini molto piccoli, che viaggiano in maniera totalmente improvvisata, muovendosi a piedi per centinaia di chilometri.
 
I migranti non hanno  cibo né acqua con sé, vestiti di ricambio, nemmeno le cose di base per l’igiene personale o per le necessità dei bambini.
   
 A. Modulo AIUTI DI URGENZA 
 
A.1 Grecia
Tante sono le persone che approdano sulle isole della Grecia situate di fronte alla Turchia. Arrivano senza nulla per fare spazio al numero più alto di persone possibili nelle imbarcazioni. Intere famiglie che scappano dalla guerre, spesso con numerosi bambini, anche molto piccoli. Caritas ha organizzato la distribuzione di 1.000 pacchi per bambini (pannolini, saponi, creme specifiche ecc.) nelle isole di Chios e Lesvos al costo di € 10 ciascuno.
⇒ MM 1001/AU/1 Grecia Kit per bambini 1 kit /1 bambino: € 10 1.000 bambini: € 10.000 
   
A.2 Macedonia
I migranti in arrivo presso il campo di sosta di Gevgelija, al confine con la Grecia, si fermano giusto il tempo per rifocillarsi e recuperare il materiale necessario per continuare il viaggio verso la frontiera con la Serbia. Caritas, oltre a distribuire pasti caldi e materiale per l’igiene, fornirà 700 sacchi a pelo, zaini e torce, al costo di € 8 al pacco, affinché le famiglie in cammino possano portare con sé del cibo e scaldarsi in mancanza di un riparo adeguato.                                                    
⇒ MM 1001/AU/2 Macedonia | Kit sacchi a pelo, zaini, torce | 1 kit /1 persona: € 8 700 persone: € 5.600 
    
A.3 Serbia
Il numero di migranti che giornalmente entrano in Serbia non sembra diminuire con l’arrivo dell’inverno. Secondo l’UNHCR, la media giornaliera è di circa 9.000 persone, di cui circa il 40% sono bambini. Si prevede quindi di distribuire, laddove non è possibile organizzare delle cucine da campo, pacchi viveri alle persone che sono in cammino in alcuni luoghi di transito delle frontiere. Il costo di 1 pacco è di € 3, per circa 2.000 persone.
⇒ MM 1001/AU/3 Serbia Kit aiuti alimentari | 1 kit /1 persona: € 3 | 2.000 persone: € 6.000  
     
A.4 Croazia
Con la chiusura della frontiera tra Serbia e Ungheria, migliaia di persone hanno attraversato il confine croato. Tante le difficoltà per il fatto di dover improvvisamente far fronte a bisogni di migliaia di persone che già da alcuni giorni sono in cammino. Centinaia i volontari che si stanno prodigando per distribuire pasti caldi e generi di prima necessità a queste famiglie, spesso esauste da giorni spesi all’aperto privi di un’accoglienza adeguata. Caritas ha allestito cucine mobili da campo per la distribuzione di pasti caldi, al costo di € 2 a pasto, per 5.000 persone.
⇒ MM 1001/AU/4 Croazia Pasti caldi 1 pasto/1 persona: € 2 5.000 persone: € 10.000 
 
 B. Modulo ACCOGLIENZA DIFFUSA 
   
B.1 Grecia
Solo nel 2015 sono arrivati in Grecia quasi 600 mila profughi, di cui almeno il 70% siriani  in fuga dal Paese e dai campi allestiti negli Stati confinanti in cerca di speranza. Sono tanti i chilometri di terra che separano la Turchia dalla Grecia quante le frontiere marittime, con le isole orientali che si affacciano sul Mar Egeo. E dalle isole tutti arrivano ad Atene, cercando di proseguire poi il loro viaggio verso la Macedonia e l’Europa occidentale. Molte sono le famiglie con persone anziane, disabili, neonati costretti a sostare alcuni giorni ad Atene prima di continuare il viaggio e a dormire all’aperto o dentro piccole tende di fortuna. Si vorrebbero allestire circa 15 posti letto per bisogni alloggiativi di breve durata (2/3 giorni) per persone estremamente vulnerabili in tre diversi appartamenti adiacenti ad una struttura ecclesiale già esistente in un quartiere ad alta densità di profughi siriani. All’interno della struttura queste persone potranno poi beneficiare anche di servizi di orientamento e ascolto, uno spazio informativo, uno spazio ricreativo per momenti di incontro e gioco, gestiti da volontari. 
⇒ MM 1001/AD/1 Grecia Ristrutturazione edificio con posti letto temporanei Importo: € 60.000 
    
B.2 Serbia
Migliaia di persone sono accampate in condizioni proibitive e per diversi giorni (dai 3 ai 5 giorni a Belgrado, dai 3 ai 15 giorni negli altri luoghi) in varie città del Paese. Non ci sono strutture in grado di accogliere e assistere un numero così alto di persone e spesso si utilizzano spazi non adatti (parchi, una ex fabbrica fatiscente, tendopoli improvvisate). Si propone la riabilitazione e messa a norma di locali di una parrocchia di Belgrado per allestire una mensa in grado di fornire almeno 1.000 pasti caldi al giorno ai migranti di passaggio; una struttura che sarà utilizzata, una volta terminata l’emergenza, come mensa per i poveri di Belgrado.
⇒ MM 1001/AD/2 Serbia Riabilitazione e messa a norma di una mensa Importo € 40.000 
    
 C. Modulo FORMAZIONE  
    
C.1 Macedonia
Sono molti i volontari e gli operatori che offrono soccorso alle centinaia di persone che transitano nei due campi di sosta o raccolta presenti nel Paese. In particolare le parrocchie di Gevgelija, Radovo, Nova Maala, Strumica e Petralinci hanno organizzato gruppi di giovani volontari che prestano servizio nei due campi di Gevgelija e Tabanovce; sono giovani che provengano da comunità rurali, molto motivati, ma con poche esperienze. Questi volontari svolgono non solo mansioni materiali, ma anche attività di ascolto e supporto a famiglie particolarmente fragili e ai numerosi bambini presenti nei campi. Si organizzeranno tre percorsi formativi: due sulle tematiche connesse alla gestione di situazioni di emergenza e una sul dialogo interreligioso e la mediazione culturale.
⇒ MM 1001/FO/1 Macedonia Percorsi di formazione per volontari Importo: € 5.000