Home Page » Area Stampa » News » archivio anni precedenti » Tifone Haiyan: un'emergenza umanitaria 
Lunedì 11 Novembre 2013
Tifone Haiyan: un'emergenza umanitaria   versione testuale
 
 
 
Il Tifone Haiyan che ha colpito l'8 novembre scorso le Filippine, ha lasciato dietro di sé migliaia di morti, feriti, dispersi, probabilmente con numeri molto superiori alle stime attuali.  «Desidero assicurare la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine e di quella regione, che sono state colpite da un tremendo tifone. Purtroppo le vittime sono molte e i danni enormi. Preghiamo per questi nostri fratelli e sorelle, e cerchiamo di far giungere ad essi anche il nostro aiuto concreto», ha detto domenica 10 novembre 2013 all'Angelus Papa Francesco.
 
Domenica 1 dicembre 2013 in tutte le chiese d’Italia si è tenuta una colletta nazionale (video messaggio del direttore di Caritas Italiana) indetta dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana a sostegno delle popolazioni colpite. All'iniziativa è stata dedicata anche la puntata domenicale di "A sua immagine". La Presidenza della Cei ha stanziato tre milioni di euro dai fondi derivanti dall’otto per mille, da destinarsi alla prima emergenza, sottolineando l'attivazione di Caritas Italiana e le parole del Direttore don Francesco Soddu, circa «l’importanza di un aiuto concreto e immediato». 
 
 
caritas manilaLa situazione e l'azione Caritas
Caritas Italiana si è mobilitata all'indomani del tifone con visite nelle zone colpite a partire da metà novembre 2013. Nel contempo si è provveduto all’invio dei primi fondi in appoggio all’Appello di Emergenza lanciato da Caritas Filippine (NASSA) per la fornitura di aiuti d'urgenza a quasi 300.000 persone in tutte le aree colpite  comprendenti 9 diocesi.
In coordinamento con le altre Caritas estere presenti nel paese, l'impegno di Caritas Italiana, oltre che su un piano nazionale, si è rivolto in modo particolare alla diocesi di Capiz e di  Kalibo nell'isola di Panay.
Complessivamente a sei mesi dall'emergenza sono stati raccolti quasi 10 milioni di euro - inclusi i tre messi a disposizione dalla Cei - e sono stati avviati progetti per 6 milioni di euro. Leggi qui il dettaglio degli interventi a 6 mesi dal Tifone (.pdf).
 
Dopo il forte impegno nei  primi sei mesi sul fronte dell’aiuto d’urgenza e della ricostruzione/riabilitazione, Caritas Italiana intende mantenere un’attenzione almeno per i prossimi 3 anni utilizzando le risorse ancora a disposizione e quelle che perverranno in futuro nei seguenti ambiti:
- Costruzione/ricostruzione di strutture a carattere sociale e socio-sanitario
- Sostegno alla ripresa e allo sviluppo socio-economico
- Programmi in favore di fasce particolarmente svantaggiate
- Programmi di prevenzione delle catastrofi con attività di formazione delle comunità, fornitura di strumentazione e realizzazione di strutture
- Programmi in favore della riabilitazione/sviluppo dei legami comunitari
- Rafforzamento delle capacità della Chiesa nelle Filippine nella risposta alle emergenze e nella  lettura e risposta ai bisogni delle fasce più vulnerabili della popolazione 
 
Caritas Italiana è attiva da decenni nelle Filippine, in particolare nell’ambito delle ricorrenti emergenze naturali, come terremoti, alluvioni, frane, tempeste e tifoni tropicali. L’intervento si realizza a supporto di Caritas Filippine e in collaborazione con altre realtà locali, lavorando anche nella ricostruzione e nelle fasi successive.
 

 
Per sostenere gli interventi in corso, si possono inviare offerte a Caritas Italiana, via Aurelia 796 – 00165 Roma, tramite C/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: “Emergenza Filippine” . Offerte sono possibili anche tramite questi altri canali.