Home Page » Area Stampa » News » 2016 » Novembre » Terremoto ventro Italia: priorità dei gemellaggi Caritas 
Venerdì 11 Novembre 2016
Terremoto centro Italia: priorità dei gemellaggi Caritas   versione testuale

«Rimettere la comunità al centro degli obiettivi da realizzare, restare comunque accanto e a servizio delle persone colpite, in qualsiasi luogo si trovino, valorizzando la presenza della Chiesa locale anche vicino a quanti si sono dovuti allontanare dal territorio». Queste per don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, restano le linee di fondo dell’intervento Caritas
 
Nelle zone colpite dal terremoto hanno intanto preso il via i gemellaggi che vedono il coinvolgimento di tutte le Caritas, da Nord a Sud: con la diocesi di Rieti si sono gemellate le Caritas di Lazio, Lombardia, Basilicata, Toscana e Puglia; con le sei diocesi delle Marche colpite dal sisma -  Ascoli Piceno, Camerino-San Severino Marche, Fabriano-Matelica, Fermo, Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia, San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto - si sono gemellate le altre Caritas delle Marche e le Caritas di Piemonte-Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Calabria, Liguria; con la diocesi di Spoleto-Norcia  le altre Caritas dell’ Umbria, le Caritas del Triveneto, Campania e Sardegna; infine con le diocesi di L’Aquila e Teramo-Atri si sono gemellate le altre Caritas di Abruzzo-Molise e le Caritas della Sicilia.
 
L’obiettivo degli incontri effettuati nelle varie zone tra le realtà gemellate è stato quello di fare il punto sulla situazione delle zone colpite dal sisma e definire le priorità dell’azione Caritas. 
 
Dopo la visita ad Arquata, Pescara del Tronto,  Amatrice e Accumoli,  il card. Angelo Bagnasco, Presidente della Conferenza episcopale italiana, si è recato anche tra i terremotati di Norcia e Preci per rinnovare la vicinanza e la preghiera dei Vescovi italiani e ha esortato a non abbandonare il territorio, auspicando che «l’attenzione del Paese non venga mai meno per queste zone, affinché la vita possa continuare in questi magnifici borghi» dove «c’è bellezza di relazioni che durano nel tempo».
 
Venerdì 11 è stato invece il giorno della visita del card. Luis Antonio Tagle, Presidente di caritas Internationalis, che si è recato in visita alle persone e alle comunità colpite dal sisma.
 
Caritas Italiana ha già trasferito alle diocesi maggiormente colpite dal sisma il milione di euro messo a disposizione dalla Conferenza episcopale italiana per i primi interventi in emergenza ed è pronta a sostenere ulteriori progetti che risulteranno prioritari nell’ambito dei gemellaggi avviati dalla rete Caritas.
 
E' sempre possibile contribuire alla raccolta fondi di Caritas Italiana (Via Aurelia 796 - 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013 o tramite altri canali, tra cui on line o bonifico bancario specificando nella causale “Colletta terremoto centro Italia”. Ecco i riferimenti bancari:
- Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113 
- Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474
- Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
- UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119