Home Page » Area Stampa » News » 2016 » Aprile » 7 anni fa terremoto in Abruzzo. Il ricordo e l'impegno Caritas 
 
Mercoledì 6 Aprile 2016
7 anni fa terremoto in Abruzzo. Il ricordo e l'impegno Caritas   versione testuale

Sette anni fa, il 6 aprile 2009, un violento terremoto devastava L’Aquila e altre zone dell’Abruzzo, provocando 309 morti che vogliamo ricordare e accompagnarli con la nostra preghiera di suffragio al Signore Risorto.
 

Caritas Italiana, che si è prontamente attivata per dare sostegno e solidarietà alle popolazioni colpite, ha realizzato in questi anni la quasi totalità delle strutture previste, come ad eempio  4 scuole comunali nei territori colpiti dal terremotoGuarda loro storia nel video "Educare per costruire insieme il futuro".
 
 
Le risorse e l'intervento Caritas
Grazie alla solidarietà espressa da quasi 23.500 donatori italiani ed esteri (singoli, parrocchie, associazioni, diocesi, scuole ... ) e dalla Conferenza Episcopale Italiana (5 milioni di euro), Caritas Italiana ha raccolto e messo a disposizione delle comunità locali complessivamente oltre 35 milioni di euro. Significativa è stata anche la solidarietà della rete internazionale con più di 60 Caritas estere che hanno contribuito alla ricostruzione. In base alla lettura del territorio e dei bisogni della popolazione, Caritas Italiana, in stretto accordo con la Chiesa Aquilana, ha definito le linee di sviluppo dell’intervento nei tempi lunghi:
• Emergenza e primo aiuto: tende comunitarie, materiali di prima emergenza, generi alimentari, sostegno alla popolazione…
• Accompagnamento della popolazione: presenza di volontari, attività di ascolto, animazione delle comunità, rilevazione dei bisogni…
• Ricostruzione: centri di comunità, scuole, servizi sociali e caritativi, alloggi per anziani e studenti…
• Riabilitazione socio-economica: progettazione sociale, sostegno al reddito, ripristino realtà produttive…
 
 
I progetti
Direttamente, o attraverso le 16 Delegazioni regionali, Caritas Italiana ha risposto ai bisogni della popolazione, impegnando le risorse disponibili in:
• interventi di prima emergenza;
• azioni di prossimità e sostegno diretto (in particolare ad anziani, persone sole, ammalati... );
• realizzazione di 4 scuole per l'infanzia e primarie donate ai Comuni di L’Aquila, Ocre, Fossa, Fontecchio;
• realizzazione di 16 Centri di comunità;
• realizzazione di 7 strutture di accoglienza;
• implementazione di 2 servizi sociali e caritativi (tra cui la nuova sede e servizi riabilitativi dell’AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla in via di ultimazione);
• consolidamento ed il ripristino funzionale di 16 strutture parrocchiali per attività sociali e comunitarie;
• numerosi progetti di animazione e aggregazione rivolti in particolare ai bambini, preadolescenti e giovani;
• molteplici progetti sociali a favore delle persone in situazione di grave emarginazione, immigrati, giovani, sostegno al reddito ...;
• iniziative di scambio e accompagnamento tra comunità cristiane e Chiese sorelle.