Home Page » Area Stampa » News » 2016 » Novembre » Terremoto Abruzzo, a Ocre (AQ) inaugurazione struttura AISM realizzata grazie a Caritas Italiana 
Venerdì 25 Novembre 2016
Terremoto Abruzzo, a Ocre (AQ) inaugurazione struttura AISM realizzata grazie a Caritas Italiana   versione testuale

Sarà inaugurata sabato 26 novembre alle ore 11.00 ad Ocre (AQ), e più precisamente in località Cavalletto d’Ocre, la nuova sede del “Centro AISM Ocre – Sezione Provinciale AISM L’Aquila” finanziato grazie ai fondi raccolti da Caritas Italiana dopo il sisma del 2009 e costruito su un terreno acquistato da AISM. All'inaugurazione interverranno Angela Martino, Presidente Nazionale di AISM, don Andrea La Regina, Responsabile Nazionale Macro-Progetti di Caritas Italiana, e le istituzioni cittadine.

La nuova sede, di circa 500 mq, «consentirà di rafforzare il ruolo che AISM già riveste sul territorio quale punto di riferimento per le persone con Sclerosi Multipla de L’Aquila, nonchè di organizzare nuove attività rivolte prioritariamente a quelle persone che vivono situazioni di esclusione sociale e necessitano di momenti di aggregazione e scambio», spiega in una nota l'associazione di volontariato. «Ocre diventerà un importante punto di riferimento per tante famiglie aquilane e della provincia che ogni giorno convivono con la sclerosi multipla anche nelle sue forme più gravi», aggiunge la Presidente Nazionale Angela Martino.

«Il grave terremoto del 2009, con lutti e distruzioni, ha messo in ginocchio anche le attività di associazioni benemerite di privato sociale, costrette a ridurre il proprio ambito di intervento, e reso ancor più difficile la vita di chi combatte con coraggio contro questa malattia. Caritas Italiana, nonostante tutte le difficoltà, ha risposto all’appello di AISM. La costruzione del Centro AISM Ocre è dimostrazione di come la generosità degli offerenti possa tradursi in azioni concrete di promozione dell’autonomia delle persone con sclerosi multipla. Non sarà solo un luogo fisico ma uno spazio umano di coesione sociale in cui si sperimenta una solidarietà fatta di dono, in cui ognuno porta la sua ricchezza umana e la condivide con fraternità», conclude don Andrea La Regina di Caritas Italiana, che così a 7 anni dal sisma completa l'azione di ricostruzione avviata grazie ai fondi raccolti dopo il terremoto de L'Aquila, ed in particolare quelli delle Caritas diocesane della Lombardia.