Home Page » Sul Territorio » Archivio Notizie Caritas Diocesane » 2017 » Ottobre » Caritas Sassari 
Martedý 10 Ottobre 2017
Caritas Sassari   versione testuale
Progetti nelle scuole del territorio
  
Anche per l'anno scolastico 2017-2018 la Caritas diocesana di Sassari sarà impegnata nelle scuole del territorio diocesano attraverso percorsi educativi. I progetti vedranno l'impegno dei giovani (anche di servizio civile) dell'Ufficio Animazione.
   
Nella scuola primaria sarà attivo il Progetto "Farfalla", nella scuola secondaria di primo grado il Progetto "Incontrare le povertà" e in quella di secondo grado il Progetto "CreA(t)tori del domani".
 
Progetto "Farfalla"
La Caritas diocesana di Sassari dal 2010 promuove e porta avanti percorsi educativi all’interno delle scuole primarie situate nel territorio diocesano. L’iniziativa nasce dal riconoscere la necessità di sensibilizzare i bambini rispetto ai temi quali la diversità, l’intercultura, la pace e la solidarietà. Il progetto “Farfalla” prende spunto dalla teoria di Edward Lorenz che dimostra come delle piccole condizioni inziali possano produrre grandi variazioni nel comportamento a lungo termine del sistema. Come il battito d’ali di una farfalla può provocare un uragano dall’altra parte del mondo così un’azione, che può sembrare insignificante, può causare qualcosa che non ci aspettiamo generando grandi cambiamenti.
 
Progetti "Incontrare le povertà" e "CreA(t)tori del domani"
La Caritas diocesana di Sassari dall'anno scolastico 2016-2017 (in fase sperimentale) promuove e porta avanti percorsi educativi all’interno delle scuole secondarie di primo e secondo grado situate nel territorio diocesano. L’iniziativa nasce dal riconoscere la necessità di sensibilizzare i ragazzi rispetto ai temi della solidarietà e della povertà. Tale sensibilizzazione si pone l’obiettivo di coinvolgere i ragazzi al fine di consentirgli di interiorizzare quei valori che gli permetteranno di relazionarsi in maniera adeguata con le persone che incontreranno, soprattutto con coloro che si trovano in una situazione di bisogno, utilizzando degli atteggiamenti accoglienti e non giudicanti.