Home Page » Area Stampa » News » 2017 » Dicembre » Senza titolo 
 
Domenica 24 Dicembre 2017
Filippine: gli aiuti dopo la tempesta tropicale   versione testuale

La tempesta tropicale Tembin (nome locale Vinta)  si è abbattuta sull’isola di Mindanao, nel sud delle Filippine e poi ha proseguito il suo cammino verso est seminando morte e distruzione. Vi sono aree remote da cui non è giunta ancora alcuna informazione, mentre in diverse zone della regione risulta interrotta l’erogazione di acqua e corrente elettrica. Sono quattro le diocesi più duramente colpite: Iligan, Cagayan de Oro, Tagum e Marawi, dove la Caritas Filippine (NASSA) si è subito attivata di intesa con le Caritas diocesane toccate, per valutare i bisogni e fornire una prima risposta. Giù nelle primissime ore dopo il passaggio della tempesta, più di 1500 pasti erano stati distribuiti nei punti di raccolta degli sfollati, da parte delle varie strutture diocesane. Dopo il monitoraggio dei danni la Caritas sta ora organizzando la distribuzione di generi di prima necessità a circa 15.000 persone.
Le Filippine sono probabilmente il paese al mondo maggiormente esposto ai tifoni provenienti dal Pacifico: una situazione che rappresenta in modo particolarmente incisivo l’evoluzione in corso su tutto il pianeta a causa del cambiamento climatico, come è stato evidenziato nel recente dossier "Filippine. Il futuro è adesso. Cambiamento climatico e adattamento sul fronte del Pacifico".
Il più letale tifone che ha colpito il paese resta Haiyan, che nel novembre 2013 uccise migliaia di persone e distrusse intere città nelle zone densamente popolate delle Filippine centrali. Caritas Italiana è da anni in contatto con le Caritas delle Filippine, e sostiene direttamente le diocesi del nord dell’Isola di Panay, Capiz e Kalibo.