Home Page » Area Stampa » News » 2015 » Luglio » Crisi in Burundi: prosegue impegno Caritas per profughi e sfollati 
 
Martedì 28 Luglio 2015
Crisi in Burundi: prosegue impegno Caritas per profughi e sfollati   versione testuale

A tre mesi dall’esplosione della crisi politica in Burundi la situazione rimane grave con oltre 180.000 profughi fuggiti in Tanzania, Rwanda, Repubblica Democratica del Congo, Uganda e almeno 15.000 sfollati all’interno del paese.

La crisi è esplosa a seguito della ricandidatura per il terzo mandato del presidente in carica Pierre Nkurunziza, da 10 anni a capo del paese. Candidatura contestata dall’opposizione e da molte realtà della società civile burundese, tra cui anche la Chiesa locale, in quanto ritenuta incostituzionale. Da allora si sono susseguite innumerevoli proteste e atti di violenza da parte delle opposte fazioni e della polizia che hanno provocato oltre 100 morti, centinaia di feriti e decina di migliaia di persone in fuga soprattutto verso i paesi limitrofi provocando una crisi umanitaria in tutta la regione.

Le Caritas dei paesi coinvolti si sono mobilitate sin dall’inizio della crisi per l’assistenza ai profughi e agli sfollati con interventi di distribuzione di viveri, coperte, fornitura di assistenza medica. Sono oltre 10.000 le persone aiutate da Caritas in Burundi, Tanzania, Rwanda e Repubblica Democratica del Congo tra cui particolare attenzione è data alle fasce più vulnerabili quali i minori e le donne.

Caritas Italiana, impegnata nell’area da oltre vent’anni, è in costante contatto con le Caritas locali ed ha stanziato una somma di 100.000 euro in appoggio agli interventi in favore delle popolazioni colpite.