Home Page » Area Stampa » News » 2015 » Ottobre » Caritas ricorda Graziella Fumagalli, uccisa in Somalia 20 anni fa 
 
Mercoledì 21 Ottobre 2015
Caritas ricorda Graziella Fumagalli, uccisa in Somalia 20 anni fa   versione testuale

La mattina del 22 ottobre 1995, nella domenica che i cristiani nel mondo dedicano alla preghiera per le missioni, Graziella Fumagalli, medico lecchese, all'età di 51 anni, viene uccisa nel Centro antitubercolare a Merca, in Somalia, mentre visitava un paziente nell’ospedale che dirigeva per conto di Caritas Italiana.e che l'aveva vista instancabile testimone di carità per 16 mesi.

A venti anni da quella data la ricordiamo con le parole che S.E. Mons. Giorgio Bertin, vescovo di Gibuti e amministratore apostolico di Mogadiscio, ha utilizzato nella prefazione all’audiolibro “È compito mio” pubblicato da Caritas Italiana e Rerum a dicembre 2013. “I resti di Graziella riposano nel cimitero di Casatenovo in Bianza. Ma il ricordo di lei è presente tuttora nei cuori di chi l’ha conosciuta, nei cuori di quei somali che hanno ricevuto le sue cure e che hanno lavorato con lei. Sono certo che anche il suo sangue versato è “seme di vita e di speranza” per una Somalia, per un mondo che ha bisogno di esempi veri, come questo, per crescere e per essere più fraterno”.

Il libro di Paolo Brivio dal titolo "Ho nascosto il mio volto" (Ed. Emi - 2005) ricostruisce l'avventura umana, professionale e spirituale di Graziella, e tenta di far luce su quel buco nero chiamato Somalia (leggi l’introduzione).

Graziella Fumagalli nasce a Casatenovo, allora provincia di Como, oggi territorio lecchese, il 24 agosto 1944. Terza di nove figli, dopo la scuola dell'obbligo è costretta a lavorare per proseguire gli studi. Nel 1971 consegue la maturità scientifica, mentre prende sempre più corpo il desiderio di diventare medico. Nel 1980 si laurea in medicina e chirurgia. Nella prima metà degli anni Ottanta è assistente di patologia e chirurgia al'università di Milano e successivamente si specializza in chirurgia pediatrica a Parigi. Al curriculum aggiunge, nel 1989, un corso di medicina tropicale. Da quel momento diventa realtà il suo desiderio coltivato per anni di aiutare i poveri del Sud del mondo. Dal 1989 al 1993 è capo medico del Progetto integrato Sanità e Acqua in Guinea Bissau. Dal 1993 al 1994 è capo medico del Progetto integrato Sanità Mozambico. Nel 1994 dirige il Centro anti-tubercolosi della Caritas Italiana a Merca, in Somalia, con 100 pazienti ricoverati e più di 400 ambulatoriali. Graziella accetta l'incarico con la determinazione di sempre, respingendo pressioni e minacce, e non privilegiando nessun clan o fazione.